Informazione

La percezione tattile è bidimensionale o tridimensionale?

La percezione tattile è bidimensionale o tridimensionale?


We are searching data for your request:

Forums and discussions:
Manuals and reference books:
Data from registers:
Wait the end of the search in all databases.
Upon completion, a link will appear to access the found materials.

La percezione tattile è bidimensionale o tridimensionale? Il senso tattile può essere mappato su una mappa bidimensionale della superficie del corpo umano o l'essere umano riceve il segnale tattile come posizione 3D (poiché anche gli organi interni possono provare dolore)?


Non è 2D: la percezione tattile può semplicemente comprendere un anello intorno al dito. Se proiettassi la pelle del tuo corpo su un piano 2D ci sarebbe un modo per rappresentare questa sensazione, ma solo come una forma irregolare. Quindi hai bisogno di una terza dimensione per elaborare cognitivamente questa sensazione.

Ma il dolore fantasma ci dice che il cervello non sempre registra la percezione tattile da una vera mappatura 3D. Ad esempio una persona senza braccio potrebbe sentire dolore a un dito che non esiste. Non sempre, ma a volte.

Quindi è maggiore di due, ea volte tre non descrive completamente i fenomeni conosciuti. Quindi è (almeno) 4-D.


Bene, la visione è 2D * 2 (due retine) ma la percezione visiva è 3D, il segnale uditivo è 1D * 2 (due orecchie), ma la sua percezione è 3D. La percezione 3D in questi sensi sono risultati dell'analisi del segnale sensoriale dimensionale inferiore combinato con vari altri stati interni. (Gli stati interni possono integrare le informazioni nel tempo per produrre percezioni migliori.)

Allo stesso modo, ogni sensore tattile è una sorgente puntiforme, ma la percezione degli stimoli sensoriali tattili totali è 3D; Posso dire dove si trova la fonte del senso nello spazio 3D rispetto alla posizione del mio corpo. I segnali dovranno essere combinati con la propriocezione e le informazioni di stato nel cervello per farlo.

Nota che queste percezioni 3D non funzionano sempre perfettamente. A volte formiamo la percezione sbagliata o non riusciamo a ottenere una percezione.


Meccanismi centrali della percezione tattile della forma

Gli studi dimostrano che mentre i meccanismi corticali della forma bidimensionale (2D) e l'elaborazione del movimento sono simili nel tatto e nella visione, i meccanismi dell'elaborazione della forma tridimensionale (3D) sono diversi. La forma e il movimento 2D vengono elaborati nelle aree 3b e 1 della corteccia SI da neuroni con campi recettivi (RF) composti da sottoregioni eccitatorie e inibitorie. La forma 3D viene elaborata nell'area 2 e SII e si basa sull'integrazione di input cutanei e propriocettivi. Le RF dei neuroni SII variano in dimensioni e forma con strutture eterogenee costituite da polpastrelli sintonizzati sull'orientamento mescolati con polpastrelli eccitatori o inibitori non sintonizzati. Inoltre, la sensibilità dei neuroni agli input cutanei cambia con la conformazione della mano. Ipotizziamo che queste RF siano i nuclei alla base del riconoscimento tattile di oggetti.


Utilizzo di rappresentazioni tattili al posto delle immagini

Le immagini nella scienza non sono semplici entità percettive, ma contengono una grande quantità di contenuti concettuali, astratti e spesso matematici. Un'immagine mentale è più simile a un modello mentale o a uno schema che descrive informazioni visive, spaziali, temporali, causali e di altro tipo (Ramadas, 2009). Il senso del tatto umano è un sistema percettivo attivo, informativo e utile (Klatzky & Lederman, 2002). Il tocco attivo è considerato "una modalità complessa che estrae e codifica una ricchezza di informazioni dai recettori cutanei e cinestesici" (Ballesteros, 2008) utilizzando il tocco attivo nella percezione tattile è molto efficiente nel riconoscimento degli oggetti (Klatzy, Lederman, & Metzger, 1985). La ricerca ha rivelato che è possibile generare un'immagine senza utilizzare ausili visivi, principalmente attraverso il tatto, suggerendo che i processi di visualizzazione possono essere migliorati aggiungendo o sostituendo le informazioni visive con altre modalità sensoriali (Reiner, 2008).

L'acquisizione di modelli mentali è la base per un apprendimento significativo (Gentner e Steven, 1983). Nel loro studio per indagare ciò di cui hanno bisogno gli studenti per costruire modelli mentali di sistemi, Chan e Black (2006) hanno scoperto che incorporare il canale tattile (manipolazione diretta-animazione) nel processo di apprendimento delle scienze fornisce agli studenti esperienze di apprendimento adeguate per ragionare sulle interazioni causali e relazioni funzionali nei sistemi, facilitando così la loro acquisizione di modelli mentali. La maggior parte degli studi in questo senso, tuttavia, si occupa di elementi tattili/cinestesici in combinazione con indizi visivi e esiste molta meno ricerca sull'uso dei soli elementi tattili.

Nel campo dell'insegnamento della chimica, da tempo sono disponibili e studiati modelli a sfera e bastoncino di strutture molecolari chimiche per quanto riguarda il loro ruolo nell'apprendimento, dimostrando che la manipolazione di modelli tridimensionali fisici o virtuali aiuta gli studenti a costruire una comprensione più concreta dei concetti di chimica (Copolo e Hounshell, 1995 Gabel e Sherwood, 1980 Wu e Shah, 2004).

Nel frattempo, gli insegnanti di biologia e altri educatori utilizzano sempre più le tecnologie dell'informazione e della comunicazione per integrare la loro istruzione nelle classi regolari e le rappresentazioni multiple (es. osservazioni verbali, matematiche, visive o della vita reale) sono state a lungo utilizzate per insegnare la biologia (Treagust, 2007). ). Tuttavia, l'insegnamento della materia fa ancora molto affidamento sull'uso della visione (ad esempio immagini, video e osservazione visiva) e vi è una limitazione significativa all'uso e alla disponibilità di metodi e risorse non visivi per l'insegnamento della biologia.

Allora, cosa è attualmente disponibile per l'insegnamento delle scienze agli studenti senza vista? Nella maggior parte dei casi, le risorse visive didattiche, come immagini, disegni e diagrammi, sono sostituite da grafici tattili e modelli tridimensionali. Le risorse più comuni progettate appositamente per studenti non vedenti e ipovedenti sono diagrammi tattili e grafici stampati in vinile termoformato, realizzati secondo specifici standard di grafica tattile (Braille Authority for North America, 2010). Questi materiali si trovano ampiamente in tutti i fornitori specializzati. Sebbene i materiali grafici termoformati siano economici e facili da ottenere/fabbricare, sono, per natura, rappresentazioni bidimensionali di oggetti che possono compromettere la comprensione dell'oggetto. I primi studi che confrontano il riconoscimento tattile di rappresentazioni 3D e disegni in rilievo 2D di oggetti comuni da parte di soggetti congenitamente ciechi (Klatzy et al., 1985 Lederman, Klatzy, Chataway, & Summers, 1990) suggeriscono che le immagini 2D sono estremamente difficili da identificare al tatto , poiché il tasso di riconoscimento bidimensionale è molto basso rispetto al tasso di riconoscimento quasi del 100% per gli oggetti 3D. Recentemente, Thuerel, Witt, Claudet, Hatwell e Gentaz (2013) hanno dimostrato che l'uso della trama nelle immagini bidimensionali migliora i tassi di riconoscimento da parte dei bambini non vedenti. Questi studi supportano la pratica comune ea lungo termine della maggior parte delle scuole di educazione speciale, in cui i genitori partecipano alla realizzazione di rappresentazioni fatte in casa di oggetti o immagini per supportare l'educazione dei loro figli.

D'altro canto, rappresentazioni tridimensionali commerciali sono disponibili da diverse fonti. Ma la maggior parte di essi non sono progettati appositamente per i non vedenti, come nel caso dei modelli anatomici del corpo umano, dei globi terrestri, dei modelli della struttura del DNA, degli animali ordinari e altri. In questi casi, le caratteristiche tattili come la consistenza e i materiali utilizzati per la produzione spesso non sono ottimali per una facile risoluzione tattile, anche per quelle disponibili presso fornitori specializzati.

Curriculum scientifico per studenti ipovedenti

Le descrizioni degli adattamenti curriculari sull'insegnamento delle scienze per gli studenti ipovedenti sono scarse e per lo più obsolete (Linn, 1972 Malone & De Lucchi, 1979 Miner, Nieman, Swanson, & Wood, 2001 Norman, Causeau, & Stephanich, 1998 Stephanich, 2001 Thier, 1971 ), in particolare in Messico, dove questo tipo di risorse è praticamente inesistente. Per un insegnamento efficace nella classe inclusiva, è sensato considerare il metodo di apprendimento multisensoriale proposto da Montessori (1912) che utilizza una miscela di approcci visivi, uditivi, tattili e cinestesici. L'uso di tutti i sensi disponibili per insegnare scienze agli studenti non vedenti è proposto da Soler-Martí (1999) sulla premessa che l'uso di tutti i sensi consente l'acquisizione di informazioni preziose nella prima fase del metodo scientifico: l'osservazione. La ricerca ha dimostrato che l'uso di più sensi per l'apprendimento è coinvolto nello sviluppo dei processi cognitivi generali, dal pensiero concreto al pensiero astratto (Loucks-Horsley et al., 1990), che è una parte essenziale dell'apprendimento delle scienze.

Informazioni su questo progetto

Il nostro lavoro è nato dalla necessità di creare una metodologia che aiuti gli studenti ipovedenti e non vedenti ad apprendere la biologia. Abbiamo deciso che ciò potesse essere ottenuto attraverso la progettazione e la produzione di rappresentazioni tattili adeguate e coinvolgenti, accompagnate da attività curriculari per l'insegnamento/apprendimento della biologia in contesti formali e informali inclusivi. Il nostro obiettivo era che i bambini non vedenti e ipovedenti avessero le stesse opportunità di apprendimento dei loro coetanei vedenti, condividendo gli stessi materiali e svolgendo le stesse attività. Poiché la nostra popolazione target originale erano gli studenti delle scuole elementari, inizialmente abbiamo deciso di concentrarci su rappresentazioni tridimensionali, piuttosto che su grafici tattili bidimensionali di altro tipo, per evitare di richiedere le competenze aggiuntive necessarie per l'interpretazione grafica da parte dei giovani studenti.

Pertanto, questo articolo descrive la creazione di modelli tattili tridimensionali e lo sviluppo di un curriculum inclusivo e multisensoriale per supportare efficacemente l'insegnamento di argomenti di biologia, rendendo le materie microscopiche accessibili sia agli studenti ipovedenti che a quelli vedenti a livello di scuola elementare e media.


La percezione tattile è bidimensionale o tridimensionale? Il senso tattile può essere mappato sulla mappa bidimensionale del.

La percezione tattile è bidimensionale o tridimensionale? Il senso tattile può essere mappato su una mappa bidimensionale della superficie del corpo umano o l'essere umano riceve il segnale tattile come posizione 3D (poiché anche gli organi interni possono provare dolore)?

Risposte ai compiti

Non è 2D: la percezione tattile può semplicemente comprendere un anello intorno al dito. Se proiettassi la pelle del tuo corpo su un piano 2D ci sarebbe un modo per rappresentare questa sensazione, ma solo come una forma irregolare. Quindi hai bisogno di una terza dimensione per elaborare cognitivamente questa sensazione.

Ma il dolore fantasma ci dice che il cervello non registra sempre la percezione tattile da una vera mappatura 3D. Ad esempio una persona senza braccio potrebbe sentire dolore a un dito che non esiste. Non sempre, ma a volte.

Quindi è maggiore di due, e talvolta tre non descrive completamente i fenomeni conosciuti. Quindi è (almeno) 4-D.

La percezione tattile può essere considerata tridimensionale a causa della percezione 3D dei sensi.

Il segnale tattile non può essere mappato su una mappa bidimensionale della superficie del corpo umano. La percezione degli stimoli sensoriali tattili totali è 3D.

Aggiungi risposta a:

DOMANDA 2 21 Gli elementi finiti possono apparire in molte forme come i domini bidimensionali e tridimensionali Date due.

DOMANDA 2 21 Gli elementi finiti possono apparire in molte forme come domini bidimensionali e tridimensionali Fornire due esempi e uno schizzo per ciascun dominio. (4) 22 Spiegare i seguenti termini utilizzati nelle equazioni degli elementi finiti a Sollecitazione b Deformazione piana 23 Utilizzare il metodo degli elementi finiti per sviluppare la matrice di rigidezza per l'elemento 2 della struttura a trave a sbalzo in acciaio mostrata nella Figura 2 Il modulo elastico IS 200 kN /mm2 con uno spessore di 1 unità.

Domande 1 punto Gli esseri umani e molti altri animali diurni hanno tre tipi di coni: uno.

Domande 1 punto Gli esseri umani e molti altri animali diurni hanno tre tipi di coni: uno stimolato al massimo dalla luce blu, un secondo stimolato al massimo dalla luce verde e un terzo stimolato al massimo dalla luce rossa. Come possono gli esseri umani vedere colori come l'arancione, il giallo e il viola? Quando i coni rossi vengono stimolati, inibiscono i coni blu e verdi. Quando i coni blu vengono stimolati, inibiscono solo i coni verdi. I coni verdi quando stimolati, non inibiscono altri coni, ma lo fanno.

A. B. 2. La statistica test​ è ______ ​(arrotonda alla seconda cifra decimale secondo necessità.) 3. Il​ P-value è ______ ​(Arrotonda t.

AB 2. La statistica del test è ______ ​(arrotonda a due cifre decimali secondo necessità.) 3. Il valore P è ______ ​(arrotonda a tre cifre decimali secondo necessità.) 4. Indicare la conclusione per la test. ________________ l'ipotesi nulla. Ci ______ prove sufficienti per sostenere l'affermazione che quelli trattati con i magneti hanno una maggiore riduzione media del dolore rispetto a quelli dati un trattamento fittizio. 5. È valido sostenere che i magneti potrebbero sembrare efficaci se le dimensioni del campione.

Non so se qualcuno potrebbe essere in grado di provare a leggere il mio documento

Non so se qualcuno potrebbe essere qualcuno potrebbe leggere il mio documento? Riepilogo esecutivo La posizione del manager finanziario è coordinare le attività finanziarie dei lavoratori in una filiale o dipartimento della banca, come l'intermediazione, la gestione del rischio o il dipartimento del credito . Altre responsabilità sono la supervisione del flusso di cassa, la valutazione e l'elaborazione delle domande di prestito, la supervisione dei programmi di formazione, la rete all'interno delle comunità per trovare e attrarre nuovi affari e preparare l'analisi della gestione attraverso rapporti operativi e di rischio. Approvare, rifiutare e coordinare le linee di.

Domande a scelta multipla (del valore di due punti ciascuna) 1. Quale delle seguenti descrive il processo in cui.

Domande a scelta multipla (del valore di due punti ciascuna) 1. Quale delle seguenti descrive il processo in cui si adottano modelli di comportamento che portano a una maggiore soddisfazione di vita? A. benessere B. salute C. determinazione sociale D. autoefficacia 2. Gli stadi del cambiamento Il modello del cambiamento comportamentale per la salute sottolinea che A. il cambiamento avviene come un processo. B. le persone cambiano solo di fronte a una malattia. C. il cambiamento avviene solo quando l'ambiente lo supporta. D. le modifiche sono più efficaci se basate su.

Ciao! Mi chiedo se qualcuno può aiutarmi con questi problemi di fisica dal mio libro di cracker d'esame.

Ciao! Mi chiedo se qualcuno può aiutarmi con questi problemi di fisica dal mio libro di cracker degli esami? Sto studiando per il mcat e le spiegazioni nel libro e nel dottore studente non mi aiutano. Grazie mille!! A. 2A B. 3 A C. 6A D. 12 A dopo che il circuito è stato acceso per molto tempo? 12 V 2Ω 2Ω A. 1.2 x 10s C B. 2.5 x 106 C C. 6.0 x 10 C D. 1,7×10-7 C ERhal.

Codificare i seguenti rapporti utilizzando codici CPT, codici ICD-10-CM e applicare eventuali modificatori applicabili. Assegnazione 1.

Codificare i seguenti rapporti utilizzando codici CPT, codici ICD-10-CM e applicare eventuali modificatori applicabili. Assegnazione n. 1 Descrizione: la biopsia a cuneo del lobo superiore destro mostra un carcinoma non a piccole cellule scarsamente differenziato con un modello di crescita solido e senza una differenziazione ghiandolare definita al microscopio ottico. DESCRIZIONE LORDA: A. Ricevuto fresco etichettato con il nome del paziente, designato "cuneo lobo superiore destro", è un cuneo polmonare di 8,0 x 3,5 x 3,0 cm con una linea di graffette di 11,5 cm. C'è un 0,8 x.

Codificare i seguenti rapporti utilizzando i codici ICD-10-CM. Compito n. 1 Descrizione: biopsia a cuneo del lobo superiore destro.

Codificare i seguenti rapporti utilizzando i codici ICD-10-CM. Assegnazione n. 1 Descrizione: la biopsia a cuneo del lobo superiore destro mostra un carcinoma non a piccole cellule scarsamente differenziato con un modello di crescita solido e senza una differenziazione ghiandolare definita al microscopio ottico. DESCRIZIONE LORDA: A. Ricevuto fresco etichettato con il nome del paziente, designato "cuneo lobo superiore destro", è un cuneo polmonare di 8,0 x 3,5 x 3,0 cm con una linea di graffette di 11,5 cm. C'è un tumore sessile di 0,8 x 0,7 x 0,5 cm con.

Codificare i seguenti rapporti utilizzando i codici CPT e applicare eventuali modificatori applicabili. Assegnazione n. 1 Descrizione: Il.

Codificare i seguenti rapporti utilizzando i codici CPT e applicare eventuali modificatori applicabili. Assegnazione n. 1 Descrizione: la biopsia a cuneo del lobo superiore destro mostra un carcinoma non a piccole cellule scarsamente differenziato con un modello di crescita solido e senza una differenziazione ghiandolare definita al microscopio ottico. DESCRIZIONE LORDA: A. Ricevuto fresco etichettato con il nome del paziente, designato "cuneo lobo superiore destro", è un cuneo polmonare di 8,0 x 3,5 x 3,0 cm con una linea di graffette di 11,5 cm. C'è un 0,8 x 0,7 x.

Per favore, se qualcuno può aiutarmi a rispondere a tutte queste domande

Ciao. Per favore, se qualcuno può aiutarmi a rispondere a tutte queste domande. Ho poche risposte e vorrei confrontarle con le mie risposte grazie.1. La dottoressa Hannah mette uno stetoscopio sul petto di un bambino di sette anni. I polmoni rivelano rantoli basilari. Quale metodo usa la dottoressa Hannah per eseguire l'esame obiettivo?A. Auscultazione C. Percussioni B. Palpazione D. Visualizzazione2. La cardiologia è lo studio del cuore. Quale dei seguenti termini descrive le fondamenta su cui è costruita la parola medica a cui di solito si riferisce.


Sistema tridimensionale (3D) contro sistema bidimensionale (2D) per la resezione laparoscopica dei tumori surrenalici: uno studio caso-controllo

La laparoscopia è la tecnica standard per la resezione dei tumori surrenalici in tutto il mondo. I principali svantaggi della laparoscopia 2D convenzionale sono la percezione della profondità limitata e il feedback tattile. I sistemi di laparoscopia 3D di alta qualità attualmente disponibili potrebbero migliorare i risultati chirurgici per la surrenectomia. Confrontiamo la sicurezza e l'efficacia della laparoscopia 3D rispetto a quella 2D nel trattamento dei tumori surrenalici.

Metodi

Questo studio caso-controllo ha analizzato i dati raccolti in modo prospettico da pazienti con tumori surrenalici benigni o maligni trattati per via laparoscopica presso un singolo centro medico accademico tra aprile 2003 e marzo 2020. Abbiamo raccolto variabili demografiche, diagnostiche, preoperatorie e operative e utilizzato più variabili lineari e logistiche regressione per analizzare le differenze nei vari risultati a breve termine tra i due approcci, aggiustando per potenziali fattori di confondimento.

Risultati

Abbiamo incluso 150 pazienti: 128 con tumori benigni e 22 con tumori maligni 95 trattati con laparoscopia 3D (gruppo di casi) e 55 con laparoscopia 2D (gruppo di controllo). Dopo aggiustamento per le caratteristiche del paziente, della chirurgia e del tumore, una visione 2D è stata associata a un tempo operatorio più lungo (? = 0.26, P = 0,002) e una maggiore perdita di sangue (? = 0.20, P = 0,047). Non c'era alcuna differenza significativa nei tassi di conversione alla chirurgia a cielo aperto (odds ratio [OR] = 1,47 (95% CI 0,90-22,31) P = 0,549) o complicanze (3,6% contro 2,1% P = 0.624).

Conclusioni

Con chirurghi esperti, la surrenectomia laparoscopica era più sicura e più fattibile con il sistema 3D che con il sistema 2D, con conseguente minore perdita di sangue operatoria e tempi operativi più brevi senza differenze nei tassi di conversione alla chirurgia aperta o complicanze postoperatorie. Per i tumori surrenali, la laparoscopia 3D offre vantaggi rispetto alla laparoscopia 2D.


Metodi

L'esperimento di percezione che prevede misurazioni con soggetti umani è stato condotto secondo le linee guida del Comitato etico per la ricerca sulle scienze sociali dell'Università di Stoccolma. I soggetti hanno partecipato volontariamente e sono stati dati i biglietti del cinema come compenso. Sia le istruzioni scritte che quelle orali informavano i soggetti che avrebbero potuto interrompere l'esperimento in qualsiasi momento.

Fabbricazione e caratterizzazione della superficie

Le superfici modellate sono state preparate sfruttando l'increspatura superficiale 28,29,30,39, come illustrato in Fig. 1. Le rughe sono state inizialmente formate su polidimetilsilossano (PDMS), formate spontaneamente dopo l'applicazione di uno stress meccanico a un sistema a doppio strato in cui lo strato superiore ha un modulo elastico più elevato 28,29,30,39 . I campioni PDMS sono stati esposti all'irradiazione ultravioletta dell'ozono (UVO) o all'ossidazione del plasma in uno stato pre-teso, creando un film sottile e rigido con un modulo elastico più elevato rispetto al substrato più morbido sottostante. Al rilascio della deformazione (come una compressione) le rughe, con la lunghezza d'onda ottimale che riduceva al minimo l'energia di deformazione del sistema, si formavano spontaneamente perpendicolari alla direzione della deformazione. Impiegando diversi tempi di esposizione da 1 min a 120 min, sono state ottenute superfici con lunghezze d'onda da 270 nm fino a 90 μm. Il motivo rugoso sul PDMS è stato ulteriormente replicato in un materiale più durevole utilizzando il polimero adesivo polimerizzabile con UV NOA81 (Norland Products Inc.) I campioni PDMS senza motivo rugoso, "superfici vuote", sono stati replicati e utilizzati come superfici di riferimento. L'ampiezza delle rughe e la lunghezza d'onda delle superfici sono state misurate con un microscopio a forza atomica (Dimension 3100, Digital Instruments) o un profilometro a stilo (Taylor Hobson Form Talysurf PGI 800). In totale, 16 superfici modellate, insieme a due superfici di riferimento vuote non modellate, sono state utilizzate come stimoli in un esperimento psicofisico e nelle misurazioni dell'attrito tattile.

Misure di attrito tattile

Il coefficiente di attrito è stato misurato contro un dito umano secondo i protocolli 7,10,26 precedentemente descritti utilizzando un sensore di forza piezoelettrico (Kistler 9251A) insieme a un amplificatore di carica (Kistler 5038A3). Le superfici rugose sono state montate sulla piastra superiore del sensore di forza con nastro biadesivo.

Ridimensionamento multidimensionale

Venti donne (intervallo: 21-32 anni) hanno ridimensionato la somiglianza percepita tra tutte le possibili coppie delle 18 superfici di stimolo risultando in un totale di 201 coppie di cui 48 coppie duplicate per l'affidabilità test-retest (Figura 1S supplementare). I partecipanti sono stati bendati e hanno sondato le superfici con il dito indice della loro mano preferita in una direzione designata (perpendicolare alle rughe) per tutto il tempo che desideravano e con carichi e velocità che si erano stabiliti. Ad ogni coppia di superfici è stato assegnato un valore di similarità autodeterminato su una scala percentuale da completamente simile (100%) a totalmente dissimile (0%). I valori di somiglianza sono stati invertiti in una scala di dissimilarità e l'insieme delle matrici di dissimilarità di 20 soggetti è stato sottoposto a scala delle differenze individuali (INDSCAL) 32,33, un metodo per lo scaling multidimensionale che include la varianza interindividuale tra soggetti e stimoli. Una soluzione bidimensionale è stata scelta dallo scree-plot (Figura 2S supplementare) e l'interpretazione di questi risultati è stata supportata da un'analisi delle componenti principali (PCA) della matrice di somiglianza del gruppo. Dopo ogni confronto e ogni misurazione dell'attrito, la superficie dello stimolo è stata pulita delicatamente con acetone, utilizzando un tessuto privo di lanugine. Le descrizioni dettagliate della preparazione superficiale degli stimoli, le misurazioni dell'attrito tattile e il metodo psicofisico e l'analisi dei dati sono fornite nelle Informazioni Supplementari.

Ridimensionamento delle differenze individuali (INDSCAL)

Quando si effettuano misurazioni di somiglianza con partecipanti umani, è inappropriato presumere che tutti peseranno allo stesso modo le dimensioni. Piuttosto, l'assunto è che ci sia uno spazio di stimolo comune a tutti i partecipanti, ma i partecipanti hanno il loro modo di pesare le dimensioni in questo spazio. INDSCAL è un modello 32 utilizzato per tenere conto di questa preferenza unica per ciascuna dimensione. Matematicamente, il modello INDSCAL può essere espresso come 40

La misurata dissomiglianza tra stimoli J e K per soggetto io è espresso come . X rappresenta una coordinata in an Rspazio dimensionale, cioè. Xjt è la coordinata per lo stimolo J in dimensione T. La dimensionalità è indicata da R. Le funzioni Fio sono considerati lineari in MDS metrici, come nel caso del presente esperimento. Le differenze individuali nell'uso delle bilance sono contabilizzate allegando un fattore di ponderazione (w) per ogni dimensione T per soggetto io. Il programma INDSCAL stima sia le coordinate degli stimoli che i pesi individuali in modo che si adatta meglio alla dissomiglianza osservata. Il simbolo () sostituisce il simbolo di uguale ( = ) perché l'equazione (1) include il termine di errore sconosciuto e non classificato.


L'arte tattile sull'educazione inclusiva

In Brasile, negli anni, è stato stabilito un insieme di norme legali rivolte alle persone con disabilità, con l'obiettivo di ampliare le garanzie di protezione e promozione sociale, come il Decreto n. 6.949/2009, che concede lo status di modifica costituzionale alla Convenzione delle Nazioni Unite sui diritti delle persone con disabilità (BRASILE, 2011). Un'altra importante iniziativa è stata il varo del Piano nazionale per i diritti delle persone con disabilità-Plano Viver Sem Limite (Decreto n. 7.612/2011 (BRASILE, 2011b), che si presenta in quattro principali aree di azione: accesso all'istruzione, ( IBGE, 2010) nei paesi in via di sviluppo come il Brasile, l'OMS stima che l'1% e l'1,5% della popolazione sia ipovedente.Lo studio o l'apprezzamento delle opere d'arte è quasi sempre inaccessibile a un gran numero di persone con disabilità visive. In questo contesto, la tecnologia assistiva è uno strumento essenziale per fornire a questa parte della popolazione brasiliana il pieno esercizio dei propri diritti. La tecnologia assistiva può essere intesa come l'insieme di tecnologie sviluppate per consentire alle persone con disabilità la vita quotidiana, fornendo loro un e vita inclusiva.Un altro grande alleato è la modellazione tridimensionale, nota anche come modellazione 3D, che lavora sulla costruzione di un oggetto o modello tridimensionale in un ambiente virtuale , cioè con l'aiuto del computer. Per questo lavoro è diventato importante fornire ai non vedenti l'apprezzamento delle opere d'arte attraverso il contatto tattile. Così, il lavoro ha presentato lo sviluppo di modelli grafici tridimensionali basati su opere d'arte di rilevanza nazionale e mondiale che una volta stampati tridimensionali (con stampante 3D), hanno permesso l'esplorazione e lo studio tattile da parte di appassionati d'arte con carenze visive, attraverso cosiddetto “leggere con le mani”.

parole chiave Tecnologia assistiva Modellazione tridimensionale Progettazione grafica

Introduzione

Lo sviluppo accelerato delle tecnologie informatiche ha avuto conseguenze come innovazione tecnologica nelle aree di progetto e nell'industria negli ultimi decenni. I nuovi strumenti tecnologici includono non solo l'industria, ma contribuiscono all'avanzamento generale della società verso un mondo più dignitoso per tutte le persone, riducendo le differenze e fornendo inclusione sociale. Attualmente, nelle aree del design e dell'ingegneria, la modellazione tridimensionale è diventata una procedura standard in molte procedure, rendendo le azioni di prototipazione rapida e produzione digitale incorporate nelle ultime sfide del progetto. In secondo luogo (Pupo, (Pupo, (2012) uno dei principali vantaggi dello sviluppo della prototipazione rapida è l'opzione di avere il display come un grande collaboratore della comprensione spaziale, così come la realizzazione dell'idea.

Questa nuova pratica ha avuto un enorme impatto sull'inclusione delle persone con disabilità visiva, fornendo la possibilità di detenere una varietà di informazioni tattili come opere d'arte ed elementi caratteristici della cultura delle persone, ammettendole nell'universo culturale artistico in modo più credibile. Sebbene siano stati proposti vari metodi per affrontare il problema della costruzione in rilievo di superfici in rilievo (3D o 2.5D) solo da immagini, solo alcuni affrontano esplicitamente il problema della costruzione di modelli in altorilievo e dipinti, più specificamente, le esigenze delle persone con disabilità visive menomazioni.

Pertanto, l'obiettivo principale di questo lavoro è sviluppare un metodo sistematico per la generazione semiautomatica di modelli 2.5D o 3D da dipinti d'arte e acquis culturale. Di conseguenza, verranno utilizzate una serie di procedure specifiche per risolvere la maggior parte dei problemi tipici che si verificano quando si ha a che fare con la rappresentazione artistica di una scena.

La differenza tra i metodi dei nuovi modelli digitali e i metodi tradizionali di modellazione è che non intendevano solo produrre copie identiche dello stesso prodotto. Al contrario, sono sistemi sufficientemente adattivi per produrre un ampio spettro di forme diverse, consentendo l'esecuzione fedele del lavoro scelto per la prototipazione e la rappresentazione di vari formati di presentazione. Di conseguenza, c'è una crescente attenzione tra designer, ingegneri, docenti, studenti e professionisti focalizzata sull'inclusione di persone che sono cieche sulle potenzialità di produzione di elementi artistici e culturali alla percezione attraverso l'esplorazione tattile.

Problematico

La modellazione tridimensionale è un argomento discusso in diversi ambiti del sapere e di varie forme. Ha fornito l'opportunità di implementare idee e moltiplicare gli elementi. Tuttavia, affinché l'immagine possa essere catturata in tutto il tuo messaggio e assimilata dall'osservatore, è necessaria un'analisi individualizzata delle caratteristiche dell'opera, in modo che i non vedenti comprendano i piani di successione e ciò che rappresentano. La modellazione 3D può essere eseguita non solo nei programmi di computer grafica, ma anche con altre funzionalità. Tra questi, biscotti fatti in casa, argilla in argilla, plastilina, gesso e peso commestibile. È un'attività sensoriale, che lo rende motore di sviluppo visivo, cognitivo e affettivo soprattutto del bambino con disabilità. Tuttavia, è necessario presentare le informazioni correttamente, nella tua interezza. Non basta la spuma di forme, ci vuole consistenza nel rispetto dei volumi e delle forme. Il canto vivo, la forma cilindrica, l'oggetto più lontano deve essere percepito dalla persona con disabilità visiva, in modo che l'immagine abbia un senso, si capisca.

Obiettivi generali

Questo lavoro ha avuto come obiettivo lo sviluppo di una metodologia per facilitare l'inclusione degli studenti non vedenti nelle classi di educazione artistica e storia dell'arte, trasformando opere d'arte bidimensionali (dipinti) in modelli tridimensionali, che consentissero l'esplorazione e la comprensione tattile dell'immagine da parte dello studente. In questo contesto, gli obiettivi specifici consistono nella definizione dei criteri di selezione delle immagini da sobrelevadas e nella determinazione del modello computazionale di modellazione tridimensionale, che ha permesso la trasformazione dell'immagine bidimensionale in template tridimensionale.

Stato dell'arte/Quadro teorico

Secondo l'Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS), disabilità è il nome assegnato a qualsiasi perdita o anomalia di una struttura o funzione psicologica, fisiologica o anatomica. Si riferisce alla biologia dell'essere umano. In questo contesto, la Convenzione Internazionale sui diritti della persona con disabilità, firmata a New York il 30 marzo 2007, ha portato un concetto più adatto al mondo contemporaneo: Art 1 (. ) “Le persone con disabilità sono coloro che hanno impedimenti fisici di lunga durata, mentale, intellettuale o sensoriale, che, in interazione con varie barriere, possono ostacolare la tua piena ed effettiva partecipazione alla società in condizioni di parità con le altre persone”.

La persona con disabilità può avere disabilità singole o multiple. Le varie disabilità possono confluire in più gruppi, tra questi vi è la disabilità visiva che, ai sensi del DL n. 3.298/99, modificato dal DL n. 5.296/2004, l'acuità visiva della cecità è pari o inferiore a 0,05 nelle migliori eye, with best optical correction the low vision, meaning visual acuity between 0.3 and 0.05 in the better eye with best optical correction. Simply put, the term refers to the loss or reduction of visual ability in irreversible character due to congenital or hereditary causes, even after clinical treatment and/or surgery and use of conventional glasses.

The decrease in visual response according to criteria established by the World Health Organization (who) can be mild, moderate, severe, profound (the Group of subnormal vision or low vision) and complete lack of visual response (blindness). According to the data of the Census 2010, conducted by the Brazilian Institute of geography and statistics-IBGE, more than 45.6 million Brazilians, approximately 23.9% of the population, declared to possess some type of disability. The visual impairment, reaching 35.8 million people in 2010, was the most affected both men, with 16%, as women, with 21.4%. The visually impaired are facing particular difficulties capable of limiting the practice of activities or restrict participation in social, economic and cultural life. To continue your daily actions, count with the help of normovisuais guides, walking sticks and seeing-eye dogs. They also have a way of writing and reading, Braille system.

According to the technical AIDS Committee-CAT, PORTARIA° 142/2006, “assistive technology is an area of knowledge, interdisciplinary, feature products, resources, methodologies, strategies, practices and services that aim to promote the functionality, related to activity and participation of people with disabilities, disability or reduced mobility, aiming your autonomy, independence, quality of life and social inclusion”. Threedimensional modeling, also known as 3D modeling, is an area of computer graphics, which has as its purpose the generation of three-dimensional entities, generation of static scenes (rendering), motion pictures (animation), with or without interactivity. It is the job of building an object, shape, character or scenario in a virtual environment, that is, with the aid of the computer by means of advanced computational tools and targeted as software or computer programs 3D graphics. According to Santos (2003), the three-dimensional models allow “the confrontation of projects with different forms of representations, from the same point of view and under various angles”. In this way, the work presented the preparation of three-dimensional graphics models of art works, considering the technical characteristics of the painting, which once produced by 3D printing, enable people with visual impairment or total tactile contact and partial appreciation of works of art.

Risultati e discussione

This work contributes to the inclusion of students with visual impairments in the study and assessment of pictorial arts, causing them to meet, through tactile exploration, some relevant artworks to art movements covered in classes in more courses and levels. The competing studies so that the methodology developed is presented in favour of running both the simplicity of the procedures in the implementation process of three-dimensional models as the possibility of running them with the resources own school. From the “reading with your hands”, through the tactile contact, the person with visual impairment will be participating in inclusive action, that is by the way a right, but is not always guaranteed. At the moment two works were chosen.

The choice of the first work (Figure 1), “the mermaid” of Alfredo Volpi, for the development of three-dimensional graphic model came about because of a few elements and simplicity in work, in which it was applied new techniques in the development of the model. The three-dimensional model (Figure 2) has been prepared taking into account the elements present on the site. The contours generate the image of several Moons in a sky that was evidenced in three-dimensional modeling to that when a person with visual impairment touch the model notice relief of strokes and according to your repertoire can understand the figures are being represented.

Figure 1:”The mermaid” of alfredo volpi.


Figura 2:Three-dimensional modeling of the work “the mermaid”.


Figure 3:“Great festive facade” of alfredo volpi.


The “Great Festive Facade” (Figure 3), Alfredo Volpi, was also entered on account of their characteristics that enabled the exploration of new techniques. It is noticed that the painter liked to play a game of colors and shapes and that “Flags” was the most devoted of your life. In this way, the work was chosen because of your consecration and cultural contribution. The three-dimensional model developed in the chest (Figure 4), from the second work, followed the same reasoning the first model created. Another feature was used for testing and the like.

Figure 4:Three-dimensional modeling in the chest of the book “great festive facade”.


Figure 5:Set of portuguese tiles IXX.


Figure 6:Three-dimensional modeling of the tile.


The use of Styrofoam for running 2 models, 5d is given as an option of lower cost and easier implementation, by not requiring knowledge and uses of software and electronic equipment. Is a possibility and awakens the use of manual activities. (Figure 5) depicts a tile found in the Centre of São Luís-Maranhão, Brazil. The development of three-dimensional graphic model came about due to continuity of traces of work that make up a drawing, thus facilitating the understanding of same. The three-dimensional model (Figure 6) Figure 7 has been prepared taking into account the intentions of the author, according to the characteristics observed in the work. When transformed into three-dimensional, the touch perception is sharper, facilitating the understanding of people with low vision.

Figura 7:Detailed technical breakdown of the tile.


Conclusione

The conflict between the qualification of an action as affordable or not accessible, arises from social standards due to the use of models considered typical and related to use by most people. The practice at school does not differ. The models of conduct applied to formal education are, in your vast majority, still based on the profile of the student who has no physical or mental disability. The proposal of the inclusive school takes into account the challenge that involves the coexistence among unequal and the need to modify their actions in order to contemplate all and their differences. In the study of art there is still a distance between speech and practice of school inclusion, although the field of museology has already incorporated the Inclusive Museum designation. The proposal presented in this work is geared towards minimizing this abscissa, allowing visually impaired students access to some works of art are relevant to the study of art. This study was supported by threedimensional modeling for computer associated with the research of the characteristics of each work, as it pertains to your texture, volume and depth. In this way, contributed to facilitate and simplify the process of transformation of a two-dimensional work to a threedimensional model, offering more works of art at a low cost for the inclusion of people with visual impairment.

Riferimenti

© 2018 Luíza Rosa. This is an open access article distributed under the terms of the Creative Commons Attribution License , which permits unrestricted use, distribution, and build upon your work non-commercially.


1 Introduction

Human beings use various senses to communicate with the external environment including tactile, visual, auditory, olfactory, and taste senses. Tactile senses refer to the feeling of temperature, humidity, pain, pressure, and vibration from nerve cells distributed on the skin of the body. Fingers are one of the most sensitive parts of the human body in the process of tactile perception. The tactile behaviour of fingers is important and common in our work and life such as in writing, grasping, lifting, manufacturing, playing etc. One of the most important features during these activities is the relative motion between the finger and the object surface. Tribological problems occur during the relative motion, and the tribological phenomenon often contains rich tactile information. The skin of fingers undergoes both compressive and tensile deformation as well as normal and tangential stresses when sliding on the surface of objects, which stimulates the mechanoreceptors and subsequently produces electrical signals that are transmitted to the cerebral cortex by neurones. Consequently, humans can perceive the roughness, texture, warmth, humidity, and other properties of surfaces. An analysis of the relationship between tactile perception and tribological properties of fingers can deepen the understanding of human sensation. Moreover, exploring the elaborate tactile perception system of humans has a huge application potential in different areas: developing the touch accuracy of intelligent robots [ [1] , [2] ], designing the packaging of products to improve feeling [ [3] , [4] ], improving the tactile sensation with cosmetic foundations to increase commodity value [ [5] , [6] ], enhancing clinical gloves to improve medical performance [ [7] , [8] ] etc.

Analyse literature records according to different classifications.

Systematically review articles with high relevance that have extensively examined tribological and perception investigations.

Identify the corresponding gaps in research and the new directions.

Provide a trend analysis for the future study.

First author Type of study Research focus
Zhou [ [9] ] mechanism (engineering) biotribology
Van Kuilenburg [ [10] ] finger friction and tactile perception
Van Der Heide [ [11] ] skin friction
Adams[ [12] ] finger friction
Derler [ [13] ] skin friction
Tomlinson [ [14] ] finger friction
Sivamani [ [15] ] skin friction
Pei [ [16] ] mechanism (others) tactile motion perception
Bleyenheuft [ [17] ] behavioural science
Proske [ [18] ] proprioceptive senses
Tiest [ [19] ] tactile perception
Johansson [ [20] ] tactile motion perception
Lederman [ [21] ] tactile perception
Chi [ [22] ] applicazione tactile sensing technology
Bos [ [23] ] tactile sensing technology
Stassi [ [24] ] tactile sensing technology
Tiwana [ [25] ] tactile sensing technology
Yousef [ [26] ] tactile sensing technology
Chouvardas [ [27] ] tactile displays technology
Jones [ [28] ] tactile displays technology
Dargahi [ [29] ] tactile sensing technology
Lee [ [30] ] tactile sensing technology

Recensione

  1. Compare and contrast special senses and general senses.
  2. Cosa sono i recettori sensoriali?
  3. List five types of sensory receptors and the type of stimulus each detects.
  4. Describe the range of tactile stimuli that are detected in the sense of touch.
  5. Explain how the eye collects and focuses light to form an image and converts it to nerve impulses.
  6. Identify two common vision problems, including both their causes and their effects on vision.
  7. Explain how the structures of the ear collect and amplify sound waves and transform them into nerve impulses.
  8. What role does the ear play in balance? Which structures of the ear are involved in balance?
  9. Describe two ways that the body senses chemicals and the special sense organs that are involved in these senses.
  10. Explain why your skin can detect different types of stimuli, such as pressure and temperature.
  11. Choose one. Sensory information is sent to the central nervous system via (efferent/afferent) nerves.
  12. Identify a mechanoreceptor used in two different human senses, and describe the type of mechanical stimuli that each one detects.
  13. If a person is blind but their retina is functioning properly, where do you think the damage might be? Spiega la tua risposta.
  14. When you see colors, what receptor cells are activated? Where are these receptors located? What lobe of the brain is primarily used to process visual information?
  15. The auditory nerve carries:
    1. Smell information
    2. Taste information
    3. Balance information
    4. Sound information

    Riferimenti

    Abushagur, A. A. G., Arsad, N., Reaz, M. I., and Bakar, A. A. A. (2014). Advances in bio-tactile sensors for minimally invasive surgery using the fibre bragg grating force sensor technique: a survey. Sensori 14, 6633�. doi: 10.3390/s140406633

    Afshari, E., Najarian, S., and Simforoosh, N. (2010). Application of artificial tactile sensing approach in kidney-stone-removal laparoscopy. Biomed. Mater. ing. 20, 261�. doi: 10.3233/BME-2010-0640

    Afshari, E., Najarian, S., Simforoosh, N., and Farkoush, S. H. (2011). Design and fabrication of a novel tactile sensory system applicable in artificial palpation. Minim. Invasive Ther. Allied Technol. 20, 22�. doi: 10.3109/13645706.2010.518739

    Ahmadi, R., Packirisamy, M., Dargahi, J., and Cecere, R. (2012). Discretely loaded beam-type optical fiber tactile sensor for tissue manipulation and palpation in minimally invasive robotic surgery. IEEE Sens. J. 12, 22�. doi: 10.1109/jsen.2011.2113394

    Al-Handarish, Y., Omisore, O. M., Igbe, T., Han, S., Li, H., Du, W., et al. (2020). A survey of tactile-sensing systems and their applications in biomedical engineering. avv. Mater. Sci. ing. 2020, 1�. doi: 10.1155/2020/4047937

    Bandari, N., Dargahi, J., and Packirisamy, M. (2020). Tactile sensors for minimally invasive surgery: a review of the state-of-the-art, applications, and perspectives. IEEE Access 8, 7682�. doi: 10.1109/access.2019.2962636

    Baumann, I., Plinkert, P. K., Kunert, W., and Buess, G. F. (2001). Vibrotactile characteristics of different tissues in endoscopic otolaryngologic surgery ‐ in vivo and ex vivo measurements. Minim. Invasive Ther. Allied Technol. 10, 323�. doi: 10.1080/136457001753337627

    Beasley, R. A., and Howe, R. D. (2002). “Tactile tracking of arteries in robotic surgery” in 2002 IEEE International Conference on Robotics and Automation, Vols I-Iv, Proceedings May 11-15, 2002.

    Bell, A. K., and Cao, C. G. L. (2007). �ts of artificial force feedback in laparoscopic surgery training simulators” in 2007 Ieee International Conference on Systems, Man and Cybernetics, Vols 1𠄸 October 07-10, 2007 564�.

    Berkelman, P. J., Whitcomb, L. L., Taylor, R. H., and Jensen, P. (2003). A miniature microsurgical instrument tip force sensor for enhanced force feedback during robot-assisted manipulation. IEEE Trans. Robot. Autom. 19, 917�. doi: 10.1109/tra.2003.817526

    Bicchi, A., Canepa, G., de rossi, D., Iacconi, P., and Scilingo, E. P. (1996). 𠇊 sensor-based minimally invasive surgery tool for detecting tissue elastic properties” in Proceedings of IEEE International Conference on Robotics and Automation April 22-28, 1996 Minneapolis, MN, USA, USA: IEEE.

    Bonakdar, A., and Narayanan, N. (2010). Determination of tissue properties using microfabricated piezoelectric tactile sensor during minimally invasive surgery. Sens. Rev. 30, 233�. doi: 10.1108/02602281011051425

    Callaghan, D. J., and McGrath, M. M. (2007). 𠇊 Force measurement evaluation tool for telerobotic cutting applications: development of an effective characterization platform,” in Proceedings of World Academy of Science, Engineering and Technology, Vol 25, ed. C. Ardil, 274�.

    Cao, L., Kotagiri, R., Sun, F., Li, H., Huang, W., Aye, Z. M. M., et al. (2016). �icient spatio-temporal tactile object recognition with randomized tiling convolutional networks in a hierarchical fusion strategy” in Thirtieth Aaai Conference on Artificial Intelligence Febraury 12-17, 2016 3337�.

    Chanthasopeephan, T., Desai, J. P., and Lau, A. C. W. (2003). Measuring forces in liver cutting: new equipment and experimental results. Anna. Biomed. ing. 31, 1372�. doi: 10.1114/1.1624601

    Chuang, C. H., Li, T. H., Chou, I. C., and Teng, Y. J. (2015). “Piezoelectric tactile sensor for submucosal tumor hardness detection in endoscopy” in 2015 Transducers � 18th International Conference on Solid-State Sensors, Actuators and Microsystems June 21-25, 2015.

    Dargahi, J. (2002). An endoscopic and robotic tooth-like compliance and roughness tactile sensor. J. Mech. Des. 124, 576�. doi: 10.1115/1.1471531

    Dargahi, J., and Najarian, S. (2004). Human tactile perception as a standard for artificial tactile sensing𠅊 review. Int. J. Med. Robot. 1, 23�. doi: 10.1002/rcs.3

    Dargahi, J., and Payandeh, S. (1998). “Surface texture measurement by combining signals from two sensing elements of a piezoelectric tactile sensor” in Sensor fusion: Architectures, algorithms, and applications ii. ed. B. V. Dasarathy (Orlando, FL, USA). 122�.

    Eklund, A., Bergh, A., and Lindahl, O. A. (1999). A catheter tactile sensor for measuring hardness of soft tissue: measurement in a silicone model and in an in vitro human prostate model. Med. Biol. ing. Calcola. 37, 618�. doi: 10.1007/bf02513357

    Eltaib, M., and Hewit, J. R. (2000). A tactile sensor for minimal access surgery applications. IFAC Proc. vol. 33, 505�. doi: 10.1016/S1474-6670(17)39194-2

    Eltaib, M. E. H., and Hewit, J. R. (2003). Tactile sensing technology for minimal access surgery ‐ a review. Mechatronics 13, 1163�. doi: 10.1016/S0957-4158(03)00048-5

    Fagogenis, G., Mencattelli, M., Machaidze, Z., Rosa, B., Price, K., Wu, F., et al. (2019). Autonomous robotic intracardiac catheter navigation using haptic vision. Sci. Robot. 4:eaaw1977. doi: 10.1126/scirobotics.aaw1977

    Fazal, I., and Karsiti, M. N. (2009). “Needle insertion simulation forces v/s experimental forces for haptic feedback device” in 2009 IEEE Student Conference on Research and Development: Scored 2009, Proceedings November 16-18, 2009.

    Fischer, G. S., Akinbiyi, T., Saha, S., Zand, J., Talamini, M., Marohn, M., et al. (2006). “Ischemia and force sensing surgical instruments for augmenting available surgeon information” in 2006 1st IEEE Ras-Embs International Conference on Biomedical Robotics and Biomechatronics, Vols 1𠄳 Febraury 20-22, 2006 989.

    Guo, J., Guo, S., Wang, P., Wei, W., and Wang, Y. (2013). 𠇊 Novel type of catheter sidewall tactile sensor array for vascular interventional surgery” in 2013 Icme International Conference on Complex Medical Engineering May 25-28, 2013.

    Guo, J., Guo, S., Xiao, N., Ma, X., Yoshida, S., Tamiya, T., et al. (2012). A novel robotic catheter system with force and visual feedback for vascular interventional surgery. Int. J. Mech. Autom. 2, 15�. doi: 10.1504/IJMA.2012.046583

    Guthar, G. S., and Salisbury, J. K. (2000). “The IntuitiveTM telesurgery system: overview and application” in Proceedings-IEEE International Conference on Robotics and Automation 1 April 24-28, 2000 618�.

    Gwilliam, J. C., Mahvash, M., Vagvolgyi, B., Vacharat, A., Yuh, D. D., Okamura, A. M., et al. (2009). �ts of haptic and graphical force feedback on teleoperated palpation” in Icra: 2009 IEEE International Conference on Robotics and Automation, Vols 1𠄷 May 12-17, 2009 3315.

    He, X., Handa, J., Gehlbach, P., Taylor, R., and Iordachita, I. (2014). A Submillimetric 3-DOF force sensing instrument with integrated fiber Bragg grating for retinal microsurgery. IEEE Trans. Biomed. ing. 61, 522�. doi: 10.1109/tbme.2013.2283501

    Hosseini, S. M., Kashani, S. M. T., Najarian, S., Panahi, F., Naeini, S. M. M., and Mojra, A. (2010). A medical tactile sensing instrument for detecting embedded objects, with specific application for breast examination. Int. J. Med. Robot. 6, 73�. doi: 10.1002/rcs.291

    Hosseini, M., Najarian, S., Motaghinasab, S., and Dargahi, J. (2006). Detection of tumours using a computational tactile sensing approach. Int. J. Med. Robot. 2, 333�. doi: 10.1002/rcs.112

    Ju, F., Wang, Y., Zhang, Z., Wang, Y., Yun, Y., Guo, H., et al. (2019). A miniature piezoelectric spiral tactile sensor for tissue hardness palpation with catheter robot in minimally invasive surgery. Smart Mater. struttura 28:025033. doi: 10.1088/1361-665X/aafc8d

    Ju, F., Yun, Y., Zhang, Z., Wang, Y., Wang, Y., Zhang, L., et al. (2018). A variable-impedance piezoelectric tactile sensor with tunable sensing performance for tissue hardness sensing in robotic tumor palpation. Smart Mater. struttura 27:115039. doi: 10.1088/1361-665X/aae54f

    Kalantari, M., Ramezanifard, M., Ahmadi, R., Dargahi, J., and Koevecses, J. (2011). A piezoresistive tactile sensor for tissue characterization during catheter-based cardiac surgery. Int. J. Med. Robot. 7, 431�. doi: 10.1002/rcs.413

    Kim, U., Kim, Y. B., So, J., Seok, D. -Y., and Choi, H. R. (2018). Sensorized surgical forceps for robotic-assisted minimally invasive surgery. IEEE Trans. Ind. Electron. 65, 9604�. doi: 10.1109/tie.2018.2821626

    Kim, U., Lee, D. -H., Yoon, W. J., Hannaford, B., and Choi, H. R. (2015). Force sensor integrated surgical forceps for minimally invasive robotic surgery. IEEE Trans. Robot. 31, 1214�. doi: 10.1109/tro.2015.2473515

    Kitagawa, M., Dokko, D., Okamura, A. M., and Yuh, D. D. (2005). Effect of sensory substitution on suture-manipulation forces for robotic surgical systems. J. Thorac. Cardiovasc. Surg. 129, 151�. doi: 10.1016/j.jtcvs.2004.05.029

    Konstantinova, J., Jiang, A., Althoefer, K., Dasgupta, P., and Nanayakkara, T. (2014). Implementation of tactile sensing for palpation in robot-assisted minimally invasive surgery: a review. IEEE Sens. J. 14, 2490�. doi: 10.1109/jsen.2014.2325794

    Lederman, S. J., and Klatzky, R. L. (1999). Sensing and displaying spatially distributed fingertip forces in haptic interfaces for teleoperator and virtual environment systems. Presence Teleoperat. Virt. ambiente. 8, 86�. doi: 10.1162/105474699566062

    Lee, D. -H., Kim, U., Gulrez, T., Yoon, W. J., Hannaford, B., and Choi, H. R. (2016). A laparoscopic grasping tool with force sensing capability. IEEE-Asme Trans. mecc. 21, 130�. doi: 10.1109/tmech.2015.2442591

    Lee, J. -H., and Won, C. -H. (2013). The tactile sensation imaging system for embedded lesion characterization. IEEE J. Biomed. Health Inform. 17, 452�. doi: 10.1109/jbhi.2013.2245142

    Li, K., Pan, B., Zhan, J., Gao, W., Fu, Y., and Wang, S. (2015). Design and performance evaluation of a 3-axis force sensor for MIS palpation. Sens. Rev. 35, 219�. doi: 10.1108/sr-04-2014-632

    Li, T., Shi, C., and Ren, H. (2018). A high-sensitivity tactile sensor array based on fiber bragg grating sensing for tissue palpation in minimally invasive surgery. IEEE-Asme Trans. mecc. 23, 2306�. doi: 10.1109/tmech.2018.2856897

    Liu, H., Greco, J., Song, X., Bimbo, J., Seneviratne, L., and Althoefer, K. (2012). “Tactile image based contact shape recognition using neural network” in 2012 IEEE International Conference on Multisensor Fusion and Integration for Intelligent Systems (MFI) September 13-15, 2012 138�.

    Liu, H., Puangmali, P., Zbyszewski, D., Elhage, O., Dasgupta, P., Dai, J. S., et al. (2010). An indentation depth-force sensing wheeled probe for abnormality identification during minimally invasive surgery. Proc. Inst. mecc. ing. h 224, 751�. doi: 10.1243/09544119jeim682

    Liu, H., Wu, Y., Sun, F., and Guo, D. (2017). Recent progress on tactile object recognition. Int. J. Adv. Robot. Sist. 14, 1�. doi: 10.1177/1729881417717056

    Luo, S., Bimbo, J., Dahiya, R., and Liu, H. (2017). Robotic tactile perception of object properties: a review. Mechatronics 48, 54�. doi: 10.1016/j.mechatronics.2017.11.002

    Mahvash, M., Gwilliam, J., Agarwal, R., Vagvolgyi, B., Su, L. -M., Yuh, D. D., et al. (2008). 𠇏orce-feedback surgical teleoperator: controller design and palpation experiments.” in: Symposium on Haptics Interfaces for Virtual Environment and Teleoperator Systems 2008, Proceedings. eds. J. Weisenberger, A. Okamura and K. MacLean.

    Marohn, M. R., and Hanly, E. J. (2004). Twenty-first century surgery using twenty-first century technology: surgical robotics. Curr. Surg. 61, 466�. doi: 10.1016/j.cursur.2004.03.009

    Mohareri, O., Schneider, C., and Salcudean, S. (2014). 𠇋imanual telerobotic surgery with asymmetric force feedback: A daVinci (R) surgical system implementation” in 2014 Ieee/Rsj International Conference on Intelligent Robots and Systems September 14-18, 2014 4272�.

    Morimoto, A. K., Foral, R. D., Kuhlman, J. L., Zucker, K. A., Curet, M. J., Bocklage, T., et al. (1997). Force sensor for laparoscopic babcock. Perno. Health Technol. Far sapere. 39, 354�.

    Munawar, A., and Fischer, G. (2016). “Towards a haptic feedback framework for multi-DOF robotic laparoscopic surgery platforms” in 2016 IEEE/Rsj International Conference on Intelligent Robots and Systems October 9-14, 2016.

    Najarian, S., Dargahi, J., and Zheng, X. Z. (2006). A novel method in measuring the stiffness of sensed objects with applications for biomedical robotic systems. Int. J. Med. Robot. 2, 84�. doi: 10.1002/rcs.75

    Narayanan, N. B., Bonakdar, A., Dargahi, J., Packirisamy, M., and Bhat, R. (2006). Design and analysis of a micromachined piezoelectric sensor for measuring the viscoelastic properties of tissues in minimally invasive surgery. Smart Mater. struttura 15, 1684�. doi: 10.1088/0964-1726/15/6/021

    Okamura, A. M. (2009). Haptic feedback in robot-assisted minimally invasive surgery. Curr. opinare. Urol. 19, 102�. doi: 10.1097/MOU.0b013e32831a478c

    Pacchierotti, C., Prattichizzo, D., and Kuchenbecker, K. J. (2016). Cutaneous feedback of fingertip deformation and vibration for palpation in robotic surgery. IEEE Trans. Biomed. ing. 63, 278�. doi: 10.1109/tbme.2015.2455932

    Park, M., Bok, B. -G., Ahn, J. -H., and Kim, M. -S. (2018). Recent advances in tactile sensing technology. Micromachines 9:321. doi: 10.3390/mi9070321

    Perri, M. T., Trejos, A. L., Naish, M. D., Patel, R. V., and Malthaner, R. A. (2010). New tactile sensing system for minimally invasive surgical tumour localization. Int. J. Med. Robot. 6, 211�. doi: 10.1002/rcs.308

    Pitakwatchara, P., Warisawa, S. I., and Mitsuishi, M. (2006). 𠇊nalysis of the surgery task for the force feedback amplification in the minimally invasive surgical system” in Conference proceedings of the Annual International Conference of the IEEE Engineering in Medicine and Biology Society August 30-September 3, 2006 829�.

    Prasad, S. K., Kitagawa, M., Fischer, G. S., Zand, J., Talamini, M. A., Taylor, R. H., et al. (2003). 𠇊 modular 2-DOF force-sensing instrument for laparoscopic surgery,” in Medical Image Computing and Computer-Assisted Intervention-Miccai 2003, Pt 1. eds. R. E. Ellis and T. M. Peters, 279�.

    Puangmali, P., Althoefer, K., Seneviratne, L. D., Murphy, D., and Dasgupta, P. (2008). State-of-the-art in force and tactile sensing for minimally invasive surgery. IEEE Sensors J. 8, 371�. doi: 10.1109/jsen.2008.917481

    Reiley, C. E., Akinbiyi, T., Burschka, D., Chang, D. C., Okamura, A. M., and Yuh, D. D. (2008). Effects of visual force feedback on robot-assisted surgical task performance. J. Thorac. Cardiovasc. Surg. 135, 196�. doi: 10.1016/j.jtcvs.2007.08.043

    Richards, C., Rosen, J., Hannaford, B., Pellegrini, C., and Sinanan, M. (2000). Skills evaluation in minimally invasive surgery using force/torque signatures. Surg. Endos. 14, 791�. doi: 10.1007/s004640000230

    Roesthuis, R. J., Janssen, S., and Misra, S. (2013). “On using an array of fiber bragg grating sensors for closed-loop control of flexible minimally invasive surgical instruments” in 2013 IEEE/Rsj International Conference on Intelligent Robots and Systems. ed. N. Amato. November 3-7, 2013 2545�.

    Rosen, J., Solazzo, M., Hannaford, B., and Sinanan, M. (2001). “Objective laparoscopic skills assessments of surgical residents using hidden Markov models based on haptic information and tool/tissue interactions” in Medicine meets virtual reality 2001: Outer space, inner space, virtual space. eds. J. D. Westwood, H. M. Hoffman, G. T. Mogel, D. Stredney, and R. A. Robb (Amsterdam, BG: IOS Press). 417�.

    Saccomandi, P., Schena, E., Oddo, C. M., Zollo, L., Silvestri, S., and Guglielmelli, E. (2014). Microfabricated tactile sensors for biomedical applications: a review. Biosensors 4, 422�. doi: 10.3390/bios4040422

    Sadeghi-Goughari, M., Mojra, A., and Sadeghi, S. (2016). Parameter estimation of brain tumors using intraoperative thermal imaging based on artificial tactile sensing in conjunction with artificial neural network. J. Fis. D. Appl. Fis. 49:075404. doi: 10.1088/0022-3727/49/7/075404

    Schostek, S., Ho, C. -N., Kalanovic, D., and Schurr, M. O. (2006). Artificial tactile sensing in minimally invasive surgery ‐ a new technical approach. Minim. Invasive Ther. Allied Technol. 15, 296�. doi: 10.1080/13645700600836299

    Schostek, S., Schurr, M. O., and Buess, G. F. (2009). Review on aspects of artificial tactile feedback in laparoscopic surgery. Med. ing. Fis. 31, 887�. doi: 10.1016/j.medengphy.2009.06.003

    Song, H. -S., Kim, H., Jeong, J., and Lee, J. -J. (2011). �velopment of FBG sensor system for force-feedback in minimally invasive robotic surgery” in 2011 Fifth International Conference on Sensing Technology November 28-December 1, 2011.

    Song, H. -S., Kim, K. -Y., and Lee, J. -J. (2009). �velopment of the dexterous manipulator and the force sensor for minimally invasive surgery” in Proceedings of the Fourth International Conference on Autonomous Robots and Agents Febraury 10-12, 2009.

    Talasaz, A., and Patel, R. V. (2013). Integration of force reflection with tactile sensing for minimally invasive robotics-assisted tumor localization. IEEE Trans. Haptics. 6, 217�. doi: 10.1109/ToH.2012.64

    Talasaz, A., Trejos, A. L., and Patel, R. V. (2012). �t of force feedback on performance of robotics-assisted suturing.” in 2012 4th IEEE Ras and Embs International Conference on Biomedical Robotics and Biomechatronics. eds. J. P. Desai, L. P. S. Jay and L. Zollo. June 24-27, 2012 823�.

    Talasaz, A., Trejos, A. L., and Patel, R. V. (2017). The role of direct and visual force feedback in suturing using a 7-DOF dual-arm Teleoperated system. IEEE Trans. Haptics. 10, 276�. doi: 10.1109/toh.2016.2616874

    Tholey, G., Desai, J. P., and Castellanos, A. E. (2005). Force feedback plays a significant role in minimally invasive surgery ‐ results and analysis. Anna. Surg. 241, 102�. doi: 10.1097/01.sla.0000149301.60553.1e

    Tiwana, M. I., Redmond, S. J., and Lovell, N. H. (2012). A review of tactile sensing technologies with applications in biomedical engineering. Sens. Actuat. Fis. 179, 17�. doi: 10.1016/j.sna.2012.02.051

    Trejos, A. L., Jayender, J., Perri, M. T., Naish, M. D., Patel, R. V., and Malthaner, R. A. (2009). Robot-assisted tactile sensing for minimally invasive tumor localization. Int. J. Robot. Ris. 28, 1118�. doi: 10.1177/0278364909101136

    Uranues, S., Maechler, H., Bergmann, P., Huber, S., Hoebarth, G., Pfeifer, J., et al. (2002). Early experience with telemanipulative abdominal and cardiac surgery with the Zeus™ robotic system. Eur. Surg. 34, 190�. doi: 10.1046/j.1563-2563.2002.t01-1-02049.x

    Valdastri, P., Harada, K., Menciassi, A., Beccai, L., Stefanini, C., Fujie, M., et al. (2006). Integration of a miniaturised triaxial force sensor in a minimally invasive surgical tool. IEEE Trans. Biomed. ing. 53, 2397�. doi: 10.1109/tbme.2006.883618

    Verdura, J., Carroll, M. E., Beane, R., Ek, S., and Callery, M. P. (2000). Systems methods and instruments for minimally invasive surgery. United States patent application 6165184.

    Wagner, C. R., and Howe, R. D. (2007). Force feedback benefit depends on experience in multiple degree of freedom robotic surgery task. IEEE Trans. Robot. 23, 1235�. doi: 10.1109/tro.2007.904891

    Wang, X., Zhang, H., Dong, L., Han, X., Du, W., Zhai, J., et al. (2016). Self-powered high-resolution and pressure-sensitive triboelectric sensor matrix for real-time tactile mapping. avv. Mater. 28, 2896�. doi: 10.1002/adma.201503407

    Westebring-van der Putten, E. P., Goossens, R. H. M., Jakimowicz, J. J., and Dankelman, J. (2008). Haptics in minimally invasive surgery ‐ a review. Minim. Invasive Ther. Allied Technol. 17, 3�. doi: 10.1080/13645700701820242

    Xie, H., Liu, H., Luo, S., Seneviratne, L. D., and Althoefer, K. (2013). 𠇏iber optics tactile array probe for tissue palpation during minimally invasive surgery” in 2013 IEEE/Rsj International Conference on Intelligent Robots and Systems. ed. N. Amato. November 3-7, 2013 2539�.

    Yip, M. C., Yuen, S. G., and Howe, R. D. (2010). A robust uniaxial force sensor for minimally invasive surgery. I.E.E.E. Trans. Biomed. ing. 57, 1008�. doi: 10.1109/tbme.2009.2039570

    Yuan, W., Zhu, C., Owens, A., Srinivasan, M., and Adelson, E. (2017). “Shape-independent hardness estimation using deep learning and a GelSight tactile sensor” in 2017 IEEE International Conference on Robotics and Automation (ICRA) May 29-June 3, 2017 Singapore, Singapore: IEEE.

    Zapata-Impata, B. S., Gil, P., and Torres, F. (2019). Learning spatio temporal tactile features with a ConvLSTM for the direction of slip detection. Sensori 19:523. doi: 10.3390/s19030523

    Zemiti, N., Ortmaier, T., Vitrani, M. A., and Morel, G. (2006). 𠇊 force controlled laparoscopic surgical robot without distal force sensing” in Experimental robotics ix. eds. M. H. Ang and O. Khatib (Heidelberger, Berlin: Springer), 153.

    Zhao, Z., Voros, S., Weng, Y., Chang, F., and Li, R. (2017). Tracking-by-detection of surgical instruments in minimally invasive surgery via the convolutional neural network deep learning-based method. Calcola. Assist. Surg. 22, 26�. doi: 10.1080/24699322.2017.1378777

    Keywords: tactile sensors, tactile perception, tactile images, minimally invasive surgery, robotic surgery, artificial intelligence

    Citation: Huang C, Wang Q, Zhao M, Chen C, Pan S and Yuan M (2020) Tactile Perception Technologies and Their Applications in Minimally Invasive Surgery: A Review. Davanti. Physiol. 11:611596. doi: 10.3389/fphys.2020.611596

    Received: 29 September 2020 Accepted: 16 November 2020
    Published: 23 December 2020.

    Xin Gao, King Abdullah University of Science and Technology, Saudi Arabia

    Yan Wang, Jilin University, China
    Renmin Han, Shandong University, Finland
    Jiayang Guo, University of Cincinnati, United States

    Copyright © 2020 Huang, Wang, Zhao, Chen, Pan and Yuan. This is an open-access article distributed under the terms of the Creative Commons Attribution License (CC BY). The use, distribution or reproduction in other forums is permitted, provided the original author(s) and the copyright owner(s) are credited and that the original publication in this journal is cited, in accordance with accepted academic practice. No use, distribution or reproduction is permitted which does not comply with these terms.


    Guarda il video: Deepak Chopra and Donald Hoffman: Reality is Eye Candy (Febbraio 2023).